CODICE ETICO TRA SOCI, ASSOCIATI E COLLABORATORI

1. Il metodo

BOT è un’agenzia collaborativa, non un’agenzia tradizionale. E’ un’agenzia creativa e non un’agenzia letteraria. Questo significa che idee e progetti che nascono all’interno di BOT o sono portate all’interno di BOT vengono lavorate in modo collaborativo, secondo un metodo inventato dal suo fondatore, Pierdomenico Baccalario che si basa su una grande condivisione e rispetto delle idee, anche le più diverse e apparentemente contrastanti.

2. Far parte di BOT: soci, dipendenti, associati e collaboratori

BOT è una società e, come tutte le società, ha dei soci che ne fanno parte. Ha dei dipendenti, che sono stipendiati dalla società. E ha poi degli associati e dei collaboratori. I soci sono coloro che hanno investito parte dei loro capitali per fondare o far funzionare la società e che – quando le cose vanno bene – ne ottengono dei dividendi e – quando le cose vanno meno bene – partecipano alle perdite. I dipendenti sono persone che prestano il loro lavoro dietro compenso. Gli associati sono persone – per lo più autori, ma non esclusivamente – esterne all’organigramma della società, che hanno sottoscritto questo codice etico e la la lettera di intenti tra loro e BOT: hanno un indirizzo email @bookonatree, un biglietto da visita bookonatree, l’accesso alla cartella dei progetti in lavorazione, con i conseguenti diritto di partecipazione e modifica, nonché di rappresentanza con terzi (gli associati possono parlare e presentare i progetti degli altri associati, trattandoli come se fossero loro, nell’interesse dell’intero gruppo). I collaboratori sono tutte le persone che collaborano con BOT o i suoi associati nella realizzazione di uno o più progetti. Alcuni di loro lavorano indipendentemente da BOT (collaboratori esterni), altri lavorano più strettamente con i soci BOT (collaboratori interni), un po’ come accadeva nel Rinascimento nelle botteghe d’arte, per completare o perfezionare i loro talenti.

3. Come si diventa soci di BOT

Parlando con gli altri soci e accordandosi con loro, qualora ve ne fosse la possibilità.

4. Come si diventa dipendenti di BOT

Come in qualsiasi altra società operante sul mercato. Mediante invio di CV, risposta ad annunci di ricerca personale, colloqui, chiamata.

5. Come si diventa associati di BOT

Mediante invito da parte dei soci, su suggerimento degli altri associati, a firmare la lettera di intenti

6. Come si diventa collaboratori di BOT

Sostanzialmente in due modi: i collaboratori esterni vengono coinvolti da BOT in un qualche progetto o si propone a BOT o a uno dei suoi soci e associati un progetto da fare insieme, la cui contrattualistica passa attraverso BOT. I collaboratori interni propongono e lavorano con i soci BOT «alla Rinascimentale» per fare insieme un percorso di crescita e consapevolezza dei propri talenti.

7. Che cosa si aspetta BOT dai suoi soci e dipendenti

Educazione, lealtà, trasparenza, autorialità, diligenza e responsabilità. L’educazione significa il rispetto di tutte le persone che lavorano a un progetto, nei toni, nei contenuti e nelle forme. La lealtà significa impegnarsi professionalmente nell’esecuzione di qualsiasi incarico, personalmente e con la disponibilità ad aiutare gli altri membri di un gruppo di lavoro, anche al di fuori alle specifiche mansioni del contratto, secondo un senso di squadra e di diligenza collaborativa, nonché nel rispetto delle aspettative dei committenti. La trasparenza significa comunicare a tutti, chiaramente, tutte le informazioni necessarie per affrontare in modo chiaro un qualsiasi progetto o una decisione di collaborazione, senza nulla nascondere. L’Autorialità significa l’obbligo di riconoscere a tutti i soci, associati e collaboratori il corretto (fair) apporto delle loro partecipazioni e collaborazioni e, di conseguenza e quando possibile, segnalarlo e retribuirlo, senza mai rubare nemmeno una singola idea o un spunto agli altri. La Diligenza e responsabilità significano sapere lavorare e agire non solo per se stessi e a nome proprio, ma anche per e a nome degli altri soci e degli associati, di cui è bene conoscere i limiti e le inclinazioni, rispettarli e perseguire ogni idea come opportunità e non come obbligo.

8. Cosa si aspetta BOT dai suoi associati

Le stesse Educazione, lealtà, trasparenza, autorialità, diligenza e responsabilità dei soci. In più si chiede loro una forma di Riconoscenza, che nel suo significato profondo è pura “consapevolezza”. Della disponibilità e del rischio che BOT si assume cedendo agli associati la possibilità di farsi rappresentare e obbligarsi. BOT non chiede ai suoi associati di firmare contratti in esclusiva, ma si aspetta che, a fronte di questa libertà, essi aspirino o a continuare il lavoro insieme o abbiano memoria della squadra nelle comunicazioni pubbliche, sulla stampa e sui social o restituiscano qualcosa in termini di contratti, visibilità (crediti) e/o relazioni (contatti). Trasparenza, significa cercare il più possibile di tenere aggiornato BOT dei lavori che si stanno facendo o che si intende contrattualizzare, anche indipendenti dai contatti o dalle attività fatte o progettate insieme.

9. Cosa si aspetta BOT dai suoi collaboratori

Educazione, lealtà, riconoscenza e trasparenza. BOT è più che mai contenta di mettere in contatto le persone e far dialogare liberamente le diverse professionalità, senza aver nulla da pretendere. L’educazione significa il rispetto di tutte le persone che lavorano a un progetto, nei toni, nei contenuti e nelle forme. La lealtà significa impegnarsi professionalmente nell’esecuzione di qualsiasi incarico, personalmente e con la disponibilità ad aiutare gli altri membri di un gruppo di lavoro, anche al di fuori alle specifiche mansioni del contratto, secondo un senso di squadra e di diligenza collaborativa, nonché nel rispetto delle aspettative dei committenti. La riconoscenza nel suo significato profondo è pura “consapevolezza”. Del lavoro, dell’impegno, del tempo, e anche del rischio, che BOT si assume ogni volta che decide di lavorare con un qualcuno che si sta affacciando nel mondo dei bambini. BOT non chiede ai suoi autori di firmare contratti in esclusiva, ma ci aspettiamo che a fronte di questa libertà i collaboratori rinascimentali aspiri a continuare il lavoro con noi anche quando sarà pronto ad aprire la sua bottega. E auspichiamo che nelle comunicazioni pubbliche, sulla stampa, sui social, abbia memoria della squadra e dell’aiuto che ha ricevuto. In termini meno utopistici significa avere cuore di restituire a BOT qualcosa di ciò che si è ricevuto (se si pensa di averlo ricevuto) in termini di visibilità (crediti) relazioni (contatti), strumenti contrattuali per consolidare la collaborazione (ad esempio, a titolo meramente, esemplificativo accettare clausole di opzione sulle opere future). La Trasparenza, significa, il più possibile cercare di tenere aggiornato BOT dei lavori che si stanno facendo o che si intende contrattualizzare, anche indipendenti dai contatti o dalle attività fatte o progettate insieme.

10. Che cosa si aspetta BOT dai collaboratori interni

Oltre a quanto richiesto a tutti i collaboratori, che abbiano anche la Pazienza di far emergere i loro talenti. Pazienza: seguire un’autrice e o autore esordiente, mostrare come migliorare, riscrivere o far riscrivere, sono compiti importanti che richiedono a BOT grande impegno nonché un investimento di lungo periodo e a fondo perduto. Per questo la frequenza dei contatti e i ritmi di lavorazione devono essere imposti da BOT, che cercherà di armonizzarli con i suoi altri impegni. Chiediamo anche la pazienza necessaria per vedere i risultati. Il nostro metodo è lento, la scrittura e la vendita di ciò che si è scritto non fa passi avanti nel giro di qualche giorno, a volte servono anni. I risultati, in compenso, quando e se arrivano, sono importanti e duraturi.

11. Che cosa offre BOT agli associati

Educazione, precedenza, lealtà, supporto, trasparenza, accesso, rappresentatività e visione comune. L’educazione significa il rispetto di tutte le persone che lavorano a un progetto, nei toni, nei contenuti e nelle forme. La precedenza significa che, prima di cercare altrove collaboratori per i vari progetti che BOT deve realizzare, BOT si impegna a contattare i suoi associati per offrire la possibilità di partecipare (first-refusal). La lealtà significa che BOT si impegna a comportarsi con i collaboratori in modo leale, comunicando tutte le informazioni in suo possesso (solo a titolo esemplificativo: tempi di consegna, calendari, richieste successive degli editori o di altri collaboratori) per permette a tutti di lavorare il più serenamente possibile, nonché a spiegare le dinamiche degli ovvi problemi di lavorazione, cercando di risolverli insieme. Il supporto significa che tutti i soci e gli associati di BOT sono a disposizione per offrire supporto non solo legale, contrattuale ed economico, ma anche creativo, di art-direzione, di editing, di storytelling, di vendita diritti esteri, di festival e organizzazione eventi. Gli associati possono condividere quello che stanno facendo con un gruppo di scrittrici, scrittori, illustratori, traduttori e fumettisti in qualunque momento del lavoro: possono chiedere aiuto durante l’ideazione, nella stesura o nel momento di blocco in cui manchi un’idea. E come aiuto intendiamo vero aiuto: non solo idee, ma pagine di prova scritte e, perché no, ospitalità e un posto tranquillo dove lavorare. La trasparenza significa che in BOT ci impegniamo a essere trasparenti per quanto riguarda i soldi. Dicendo quanto guadagni e quanto guadagniamo noi. Facendo sapere in che modo vengono spesi i soldi di un contratto. E quando, per un progetto, offriamo una cifra invece di un’altra, cerchiamo di spiegarti il motivo. L’Accesso significa che in BOT puoi lavorare ai libri degli altri, partecipare a progetti diffusi, candidandoti a ruoli diversi (dal ghost writing al copywriting) o semplicemente leggerli, per farti un’idea e dare consigli. Puoi leggere, vedere, chiedere e seguire tutti i progetti degli altri sulla cloud comune. In BOT si costruiscono e vendono le storie. Ti possiamo chiedere di far parte di progetti editoriali, collane e idee che non sono necessariamente tue, ma lo possono diventare se ti piaceranno, o anche solo se provi a farle, anche se pensi che non siano esattamente per te. E tu, a tua volta, potrai vendere tuoi progetti appoggiandoti agli autori di BOT per realizzarli o rafforzarli. La Rappresentatività significa che ti diamo la possibilità di parlare a nome di tutti e di rappresentare la nostra filosofia nelle varie occasioni in cui avrai modo di farlo. La Visione comune significa poter lavorare insieme con obiettivi strategici comuni, mettendo a disposizione risorse condivise: la Biblioteca di saggistica di oltre 15.000 libri del Cartino, una volta catalogata, sarà una di queste; gli associati sono invitati tutti gli anni alla riunione di aggiornamento di BOT, in compagnia degli altri associati, dei collaboratori, di editori, editor, direttori di fiere e librai ; potranno tenere e/o partecipazione ai corsi di formazione intrapresi con Lucca Comics & Games e la Fondazione Collodi o rappresentare BOT a conferenze o corsi universitari e/o di Master.

12. Che cosa offre BOT ai collaboratori

Educazione, lealtà, supporto e trasparenza. L’educazione significa il rispetto di tutte le persone che lavorano a un progetto, nei toni, nei contenuti e nelle forme. La lealtà significa che BOT si impegna a comportarsi con i collaboratori in modo leale, comunicando tutte le informazioni in suo possesso (solo a titolo esemplificativo: tempi di consegna, calendari, richieste successive degli editori o di altri collaboratori) per permette a tutti di lavorare il più serenamente possibile, nonché a spiegare le dinamiche degli ovvi problemi di lavorazione, cercando di risolverli insieme. Il supporto significa che tutti i soci e gli associati di BOT sono a disposizione per offrire supporto non solo legale, contrattuale ed economico, ma anche creativo, di art-direzione, di editing, di storytelling, di vendita diritti esteri, di festival e organizzazione eventi. I collaboratori possono condividere quello che stanno facendo con un gruppo di scrittrici, scrittori, illustratori, traduttori e fumettisti in qualunque momento del lavoro: puoi chiedere aiuto durante l’ideazione, nella stesura o se ti blocchi e ti manca un’idea. E come aiuto intendiamo vero aiuto: non solo idee, ma pagine di prova scritte e, perché no, ospitalità e un posto tranquillo dove lavorare. . La trasparenza significa che In BOT ci impegniamo a essere trasparenti per quanto riguarda i soldi. Ti diciamo quanto guadagni e quanto guadagniamo noi. Ti facciamo sapere in che modo vengono spesi i soldi di un contratto. E quando per un progetto ti offriamo una cifra invece di un’altra, cerchiamo di spiegarti il motivo.

13. Che cosa offre BOT ai collaboratori interni

Oltre a ciò che vale per gli altri collaboratori, affiancamento, tempo e opportunità. Affiancamento significa che i nostri associati e collaboratori cercheranno di aiutarti a imparare il “mestiere”, lavorando insieme a te sui tuoi testi o le tue illustrazioni, non solo correggendo e modificando in prima persona ma anche cercando di farti vedere che cosa c’è dietro, i perché e le ragioni delle modifiche. Significa, soprattutto, che BOT si fa carico di editing, affiancamenti, riscritture e in generale di mettere a loro disposizione gli strumenti e le competenze accumulate dai soci, dipendenti e associati, per favorirne l’inserimento nel mondo del lavoro nel più rapido tempo possibile e con soddisfazione reciproca. Tempo significa che BOT si riserva un anno di tempo per provare a vendere l’opera di un collaboratore. Durante quell’anno, essa è da considerarsi di esclusività di BOT. Al termine dell’anno, torna ad appartenere, con ogni diritto diretto o indiretto, all’autore. Opportunità significa che BOT cercherà di coinvolgerti il più possibile nelle sue attività e nei lavori e progetti in corso, per metterti alla prova anche su idee di altri, e aiutarti a trovare, magari, la strada più giusta per te.

13. Che cosa accade con un associato che non si comporta come ci saremmo aspettati

Assolutamente niente, tranne che viene revocata da parte di BOT la lettera di intenti.

14. Che cosa accade con un collaboratore che non si comporta come ci saremmo aspettati

Assolutamente niente. Questo codice etico non è in nessun modo prescritto, né vincolante. E’ solo un tentativo di scrivere, nero su bianco, quali sono i valori che hanno permesso ai primi associati di BOT di diventare soci, e ai primi collaboratori di BOT di diventare associati.

15. Che cosa accade se BOT non si comporta come i collaboratori o gli associati si sarebbero aspettati

Che si può inviare un reclamo formale a questo indirizzo ethicalconcerns@bookonatree.com (link) che verrà esaminato dal board aziendale in una settimana e sottoposto ai soci.

16. Il codice di condotta con i giovani lettori (e non solo) Poiché i lettori di BOT sono, per la massima parte, giovani e minorenni, i soci per primi, e su loro espressa richiesta gli associati, sono tenuti a comportarsi in ogni occasione in modo da poter essere d’esempio per le nuove generazioni, anche e soprattutto in ambiente social: non si insulta, non si minaccia, non si reagisce, non si partecipa a dibattiti accesi o controversi e non si esprimono pubblicamente – a meno che non espressamente richieste e per motivi squisitamente professionali – posizioni ideologiche, politiche, religiose, di discriminazione o di orientamento sessuale.

17. Il codice di condotta nei rapporti con i clienti (e non solo)

In BOT cerchiamo di farti stabilire con clienti ed editori un rapporto creativo diretto, semplice e informale. Non siamo intermediari: siamo facilitatori. Questo non significa abbassare il livello di professionalità, ma esattamente il contrario. Prendiamo sul serio ogni lamentela da parte di clienti ed editori e partiamo, sempre, dal cercare di evitarle e risolverle nel loro interesse.

18. Contratti e comunicazioni

I contratti di BOT sono in lingua inglese e si basano sui principi del diritto d’autore anglosassone, perché BOT ha sede in Inghilterra. Una differenza sostanziale del diritto anglosassone è che vengono ceduti come standard anche i diritti morali su un’opera (BOT legalmente ne diventa l’ “autore”). Questo permette di lavorare sulla vendita in modo più efficiente per le aziende perché è più rapido da cedere e da utilizzare (ecco perché è il diritto d’autore usato da Hollwood, ad esempio). La cosa non deve preoccuparti: come associato di BOT non useremo mai il diritto morale contro di te, e, anche come semplice collaboratore, ogni clausola del contratto può essere discussa e aggiustata. Siamo un’azienda collaborativa. Collaboriamo.

19. Esclusiva e associatizia professionale reciproca

Tra soci, associati e collaboratori di BOT non c’è alcun contratto di esclusiva, quando la volontà di lavorare insieme per il bene reciproco. Questo patto reciproco si considera interrotto quando da una delle due parti venga a mancare la fiducia o ci sia notizia certa di un malcontento espresso con terzi. Gli associati possono chiedere la revoca del rapporto di associatizia quando vogliono, e BOT si impegna ad esaudire la richiesta entro 15 giorni. Parimenti BOT può decidere di rompere il rapporto di associatizia, ove ritenesse, a maggioranza dei soci, che questi principi non siano stati rispettati, mediante comunicazione scritta, secondo quanto stabilito al punto 8 del presente codice.

SCARICA (link)